Robot pulitori piscina

I robot

I robot pulitori per la piscina sono molto utili per mantenere un livello igenico accettabile della nostra piscina, sono automatici e in commercio si può avere una vasta gamma un po per tutte le tasche, scegliendo tra quelli idraulici, più semplici ed economici, e quelli elettrici, più complicati ma anche più autonomi rispetto ai primi. Per i primi infatti, i pulitori idraulici, il funzionamento e l'istallazione risultano alla portata di tutti, grazie ad un sistema aspirante, lo skimmer in gergo tecnico ma se volete l'aspirafango in italiano, che funziona grazie ad un semplice tubo galleggiante che aspirando invia lo sporco in un filtra, il quale separa l'acqua dalle impurità riconvogliandola pulita nella piscina. Questo sistema permette in poco tempo di aspirare la maggior parte della sporcizia, senza dover svuotare la piscina e pulirla da cima a fondo, come avveniva una volta, con lunghi tempi e notevoli sforzi. Ancora migliore è invece l'utilizzo di robot elettrici. Nel caso dei robot elettrici invece bisogna studiarsi prima il libretto di uso e manutenzione in quanto questi sono gestiti da piccoli computer interni e circuiti informatici che da una parte risolvono anche il problema della vostra presenza, e dall'altra hanno dei parametri di monitoraggio in grado si programmare al meglio la pulizia della piscina. Questi robot infatti sono capaci di auto-programmarsi e di memorizzare tutte le operazioni svolte in modo da stabilire senza il nostro intervento una tabella di marcia ben precisa. Grazie alla possibilità di autodiagnosi, possono addirittura riconoscere le dimensioni della piscina e stabilire anche i livelli di intervento a seconda di questi parametri e di altri rilevati dai sensori. Anche qui il robot provvederà al filtraggio, ma il tutto si svolgerà anche in nostra assenza. L'unica operazione richiesta, oltre a personalizzare i propri desideri, se lo desiderate, è quella dell'estrazione e della pulizia, o sostituzione, del filtro.

robot pulitori piscina

Robot automatico per piscina FALCON

Prezzo: in offerta su Amazon a: 799€


Pulire il fondo

robot pulitore piscina in azioneAltra funzione dei robot è quella di pulire il fondo della piscina grazie a particolari metodi che sono studiati appositamente senza dover intervenire manualmente, con un notevole risparmio di tempo e fatica per l'uomo. Sarà il robot infatti a fare tutto il lavoro. Questi, oltre al fondo, sono in grado di pulire la parte inferiore delle pareti, mentre si può intervenire manualmente nella pulizia completa fino al livello della terra. Il robot elettrico, grazie alle sue facoltà di autodiagnosi, può infatti riconoscere le dimensioni della vasca e quindi stabilire un tracciato di percorso in modo da non tralasciare nemmeno il più piccolo pezzetto di superficie da pulire. Tutto questo senza nemmeno svuotare la piscina, grazie alla struttura impermeabile che li rende immergibili. Generalmente, i più avanzati tecnologicamente, vengono realizzati con due motori elettrici separati e indipendenti, uno per i movimenti del macchinario e l'altro per azionare l'aspirazione tramite una turbina. Il voltaggio è in genere di 24 volt, in modo da essere utilizzati in qualsiasi casa. Con tempi che vanno dall'ora alle tre ore di lavoro, a seconda del programma scelto, il robot è in grado di posizionarsi autonomamente e cominciare a pulire qualsiasi tipi di superficie con cui è stato realizzato il rivestimento, dal poliestere al cemento fino alle piastrelle. L'azione pulente viene svolta da delle spazzole composte da piccole lame in PVC, materiale che consente di “grattare” via lo sporco senza danneggiare il materiale da pulire. Mentre le lamelle svolgono la loro funzione grattando via le impurita, il sistema di aspirazione posto subito dietro, le aspira per inviarle al filtro. Per dare un'idea di come si svolge l'operazione, si può fare un paragone con le piccole macchine spazzola per la pulizia delle strade, anche se i materiali impiegati e le loro strutture sono diverse, ma rispettano lo stesso principio: spazzolare e aspirare.

Le migliori macchine per piscina inoltre hanno dei filtri riutilizzabili, con notevole risparmio sulla loro sostituzione. Naturalmente, dovendo lavorare a contatto con l'acqua, i robot sono dotati di tutti i sistemi di sicurezza, e dispongono di sistemi d'arresto in caso di anomalie o in caso si attivino fuori dall'acqua. Quest'ultimo dispositivo risulta molto utile nel caso abbiate dimenticato di immergerlo nella piscina prima di uscire di casa, con il programma giornaliero già stabilito.

  • accessoripiscina Gli accessori per piscine sono degli elementi non essenziali per il loro funzionamento, ma comunque utili a migliorare le prestazioni della piscina stessa e ad accrescerne l’impatto estetico. Compren...
  • piscine fai da te Per gli appassiona ti piscine esistono i Kit fai da te, che permettono a chi ha l'hobby del bricolage di assemblare le varie componenti per realizzare da soli il proprio specchio blu. Naturalmente, an...
  • Docce idromassaggio L’idromassaggio è una tecnica rilassante che in alcuni casi può rappresentare una vera e propria terapia per rigenerare il corpo in particolare dopo le stressati giornate lavorative in ufficio. La sua...
  • piscina coperta La piscina coperta si differenzia da quelle esterne perché viene realizzata in ambienti interni, come la casa o in ambienti esterni, come il giardino, su cui viene predisposta una copertura alta che r...

Maytronics Dolphin Cosmos 20 Digital - Robot Elettrico Pulitore per Piscina fino a 15 Mt - NOVITA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 949€


Robot pulitori piscina: I dettagli tecnici e i prezzi

robot pulitore piscina in azione Tra le varie funzionalità dei robot, ve ne sono alcune che prevedono l'inversione di marcia per tornare in acqua nel caso il robot esca dalla piscina, là dove si ne sia impiantata di tipo californiano, ovvero con il bordo immerso. Gli ostacoli incontrati, come funghi, faretti, bocchette o la scaletta, vengono memorizzati per stabilire un programma di lavoro e movimenti. Stesso discorso se qualche imprevisto blocca le spazzole, come magari un giocattolo dimenticato dai bambini. In questo caso il robot si arresta in attena di manutenzione. Tutte queste funzionalità avvengono grazie a dei microprocessori che lavorano su algoritmi matematici, in grado di compiere milioni di operazioni al secondo ed adeguare in brevissimo tempo la programmazione e il lavoro. Tra i più costosi vi sono anche quelli in grado di riconoscere i materiali da pulire, o di evitare zone particolari in cui serva un intervento straordinario. Il livello tecnologico raggiunto è tale che il microprocessore lavora anche su un algoritmo capace di agire sui movimenti del robot per evitare l'attorcigliamento del cavo di alimentazione. A seconda delle vostre esigenza, del tipo di piscina e delle sue dimensioni, potrete scegliere in commercio dai robot più semplici e meno tecnologici dal coso di un centinaio di euro, fino ai più sofisticati del valore di circa 2000 euro.



COMMENTI SULL' ARTICOLO