Pavimentazioni piscine

Pavimentazioni piscine

Le pavimentazioni rappresentano una delle più importanti finiture per il bordo delle piscine interrate. La zona perimetrale, infatti,è quella che decora e completa l’intera struttura, rendendola perfettamente integrata allo stile complessivo dell’ambiente esterno. In parole semplici si potrebbe dire che non esisterebbe alcuna bella piscina senza una buona pavimentazione. L’assunto non è di poco conto, perché le pavimentazioni per piscine ricoprono un’importanza fondamentale nell’ambito della sicurezza e dell’estetica di queste particolari strutture esterne. Proprio perchè poste all’esterno, le pavimentazioni per piscine devono essere più resistenti delle altre e con caratteristiche di sicurezza e affidabilità dagli standard elevati.
pavimentazionipiscine1

Vanage - Piastrelle in legno d’acacia, set da 9, ca. 30 x 30 x 2,4 cm, Edge

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,94€


Caratteristiche

pavimentazionipiscine2Le pavimentazioni per piscine sono composte da piastrelle di rivestimento che servono a decorare il bordo perimetrale della piscina e tutta l’area immediatamente circostante, ovvero il solarium dove vengono collocati arredi come sdraio e ombrelloni. Trattandosi di pavimentazioni esterne, le piastrelle da piscina devono essere antisdrucciolo, antiscivolo e particolarmente resistenti al gelo, al calore, all’acqua, agli agenti chimici e all’azione del cloro. La loro finitura interna ed esterna deve anche garantire un’elevata resistenza ai traumi, ai graffi e a tutte le altre lesioni che possono verificarsi durante il loro calpestamento. Nella scelta delle pavimentazioni per piscine bisogna considerare che anche “l’occhio vuole la sua parte”. I rivestimenti devono infatti essere sicuri, ma al tempo stesso gradevoli alla vista. In tal senso vanno scelti e integrati ai rivestimenti e allo stile già presente nell’ambiente esterno. Toni, forme e colori delle pavimentazioni per piscine vanno quindi abbinati alle tonalità dominanti del giardino o del luogo su cui è installata la piscina. Trovata la giusta sinergia e sintonia con le piastrelle che rivestono la superficie esterna, non sarà difficile trovare quelle che rivestono con grazia e gusto anche il bordo della piscina e il relativo solarium.

    Pavimento per esterno a incastro casa pura® Ranger | Per esterno | Per giardino | Legno di Acacia | Set da 11, 30x30cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,95€


    Quali pavimentazioni usare

    Le pavimentazioni per piscine, come già detto, devono avere caratteristiche di sicurezza superiori a quelle di altre tipologie di pavimenti. Fatta questa debita premessa, bisognerebbe orientarsi su materiali altamente antiscivolo, ma facili da pulire. I più usati sono la pietra ricostruita e il legno rinforzato con polimeri plastici. La pietra ricostruita è una delle soluzioni più raffinate per il design e il decoro estetico del bordo piscina. Lavorata con diversi trattamenti che creano varie finiture, la pietra ricostruita dà vita a mattonelle di diversi colori e dimensioni. Esistono, infatti, le lastre che imitano la pietra antica, ideali per piscine collocate su zone rurali o negli spazi esterni di agriturismi dove prevalgono proprio gli edifici in pietra. I colori della pietra ricostruita vanno dal rosso mattone, al cotto, al legno, fino al giallo chiaro, al bianco e al color sabbia. Le lastre più chiare imitano perfettamente la pietra usata per i monumenti dell’antica Roma. Un bordo piscina e una fascia perimetrale con questi pavimenti possono perciò assumere un fascino e un aspetto per così dire “ imperiali”. I pavimenti per piscine in legno rinforzato trovano spazio in ambienti dove prevale l’arredamento in legno e una vegetazione ricca di arbusti. I pavimenti in legno per piscine non sono realizzati con materiali nobili, cioè puri, ma con legno mischiato a polimeri plastici che assicurano una superficie maggiormente antisdrucciolo e antiscivolo e più resistente all’azione dell’acqua, del sole, del gelo e del cloro. I trattamenti e le lavorazioni rendono i pavimenti per piscine anche antimacchia e semplici da pulire. In genere, basta passare un panno umido e un comune detergente, per pulire efficacemente tutta la superficie delle piastrelle. Le pavimentazioni per piscine possono essere anche in gres porcellanato, materiale usato per tante tipologie di rivestimenti. Prima di scegliere il gres però bisogna valutare attentamente le sue caratteristiche di compatibilità con gli standard di sicurezza richiesti per i rivestimenti del bordo piscina. Le lastre in gres porcellanato per piscine sono di solito lavorate per avere una trama ruvida e antiscivolo. Prima dell’acquisto si consiglia però di visionare tutte le certificazioni che attestano le caratteristiche tecniche del prodotto. I pavimenti per piscina devono anche avere uno spessore che eviti l’assorbimento dell’acqua. In commercio esistono anche lastre sopraelevate che consentono di ispezionare e controllare eventuali cavi e tubature presenti al di sotto del rivestimento. Queste lastre sono autoportanti e si posano a secco su sostegni in plastica ad altezza fissa o regolabile.


    Costi

    Le pavimentazioni per piscine hanno un costo superiore a quello degli altri rivestimenti. I prezzi variano in base alla dimensione delle lastre e ai materiali di costruzione. Il costo complessivo della pavimentazione dipenderà anche dalla superficie da pavimentare. Per una piscina interrata rettangolare quattro per otto, il costo totale della pavimentazione per bordo perimetrale e solarium può arrivare anche a novemila euro. Sfruttando promozioni ed offerte, i moduli in pietra ricostruita si possono comprare anche a 15 euro al metro quadro.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO