Lampioni ferro battuto

Lampioni ferro battuto

I lampioni in ferro battuto nascono come elementi di arredo urbano: vengono infatti posizionati ai bordi delle strade e nei parchi pubblici. I primi lampioni in ferro battuto appaiono già agli inizi del secolo scorso ed oggi rappresentano un elemento di design molto classico e raffinato. Questi elementi si possono collocare anche in giardino, per decorare lo spazio esterno privato con un tocco di pregio ed eleganza.
lampioniferrobattuto2

LANTERNA A CATENA HEIDI IN FERRO BATTUTO LAMPADE LAMPIONE APPLIQUE LANTERNE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,9€


Caratteristiche

lampioniferrobattuto1 I lampioni in ferro battuto sono dei sistemi illuminanti composti da un palo nell’omonimo materiale e da una lampada contenuta in una lanterna a sua volta decorata con elementi in ferro battuto. Questi lampioni, infatti, proprio per la loro forma e i materiali, vengono usati come elementi decorativi. Altezze, forme e dimensioni dei lampioni in ferro battuto variano in base all’uso che se ne farà e al luogo dove saranno collocati. I lampioni per l’arredo urbano presentano generalmente dimensioni molto elevate in altezza: i loro pali possono infatti raggiungere o anche superare la ragguardevole altezza di tre metri. Nei giardini privati, invece, i lampioni in ferro battuto possono essere con palo indipendente o a parete. Nel primo caso, a essere in ferro battuto saranno proprio il palo e il corpo illuminante, mentre nel secondo, la decorazione in ferro battuto sarà solo nel corpo illuminante. Il corpo che contiene la lampada è di solito in vetro infrangibile, plexiglass o metacrilato, materiali, questi ultimi, che imitano il vetro, ma con una maggiore resistenza ai traumi e al rischio di rottura.

    arterameferro Vetro di ricambio trasparente per LAMPIONE rustica misura 25 CM

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,9€


    Modelli

    Anche se di origini molto datate, i lampioni in ferro battuto conservano sempre un certo fascino. I modelli di recente costruzione, infatti, si rifanno proprio agli stili e al design del passato, gli unici in grado di rendere giustizia a questi dispositivi illuminanti. Per il giardino si possono scegliere, come già detto, lampioni a palo e a muro. I primi sono composti da un’asta medio-bassa che in genere non supera quasi mai il metro e ottanta di altezza. I alcuni ambienti si possono anche collocare lampioni con pali alti un metro e mezzo. Quello che contraddistingue i suddetti lampioni sono le decorazioni del ferro battuto: molto sinuose e disegnate per dare forma a foglie lunghe e appuntite e a delle piccole o grandi rotondità che avvolgono anche la parte esterna del corpo illuminante. Questo può essere costruito a forma di lanterna trapezoidale o di piatto circolare da cui pende una lampada sferica in vetro satinato bianco. I design moderni dei lampioni in ferro battuto tendono a privilegiare proprio le forme sferiche, ovvero le lampade “ a palla”, in modo da coniugare le esigenze di modernità dell’illuminazione con il classicismo del ferro battuto. I lampioni a palo in ferro battuto possono avere da uno a quattro corpi illuminanti. Il maggior numero di lampade è di solito usato nei modelli collocati negli spazi pubblici, mentre nei piccoli giardini privati è preferibile usare lampioni con una sola lampada o lampioncini a parete.


    Pulizia e costi

    I lampioni in ferro battuto vanno scelti essenzialmente per esigenze decorative. Questo materiale infatti richiede una manutenzione maggiore rispetto agli altri, ed anche se trattato, rischia sempre e con il tempo, di ossidarsi e di arrugginire a causa degli agenti esterni. In villette e giardini privati caratterizzati e costruiti da elementi in ferro battuto e da strutture edili ispirate a un certo classicismo, è inevitabile e quasi obbligatorio scegliere lampioni nello stesso materiale. In alternativa si possono usare quelli in ghisa, materiale a metà strada tra il ferro e l’acciaio. Anche la ghisa consente di realizzare pali e lampioni altamente decorativi, ma le sinuosità del ferro battuto ( lavorato quasi sempre a mano e artigianalmente) sono impareggiabili. I costi dei lampioni in ferro battuto sono proporzionati al pregio di questo materiale e si aggirano intorno ai quattrocento euro. Piccoli lampioncini a parete, sempre in ferro battuto, si possono comprare a quindici euro, ma si tratta di prodotti acquistabili nel campo dell’usato.


    Dove collocarli

    I lampioni in ferro battuto possono emettere luca calda ( rossa) o luce fredda ( bianca). La tipologia di emissione luminosa dipende dal contesto in cui questi lampioni saranno collocati. Per quelli a parete o in prossimità di zone verdi, sarebbe meglio usare lampade a luce calda, mentre per lampioni che devono illuminare spazi abitabili e frequentati da persone, è meglio avere lampade a luce fredda. I lampioni con pali alti da un metro e venti o un metro e mezzo ( con luce calda o fredda) si possono collocare su ampi prati verdi, in modo da creare un’illuminazione soffusa che illumini tutta la superficie calpestabile.


    Dove comprare

    I lampioni e le lanterne in ferro battuto si possono comprare nei reparti casa e giardino della grande distribuzione, nelle ferramenta o negli ingrossi che vendono lampade e sistemi illuminanti. Questi elementi, inoltre, si possono ordinare presso le imprese artigiane specializzate nella lavorazione del ferro battuto. Alcune aziende pubblicano sul web i loro lavori: contattandole si potranno avere informazioni più dettagliate sui costi dei lampioni e sui tempi di consegna. Si consiglia di contattare più aziende in modo da avere più preventivi e da scegliere quelli con il miglior rapporto qualità/prezzo




    COMMENTI SULL' ARTICOLO