teli per serre

Teli per serre

Le serre sono delle strutture adibite alla coltivazione di piante fuori stagione. Queste strutture sono composte da un telaio portante e da una copertura generalmente in vetro o plastica. Le coperture in vetro sono ampiamente usate per le piccole serre da giardino. Il vetro presenta però lo svantaggio di rendere la serra troppo pesante e difficilmente removibile. Il vetro che non causa dispersione di calore e che mantiene costante la temperatura della serra ha anche un costo elevato, per questo si preferisce usare i teli plastici anche per le piccole serre da orto. I teli plastici per serre sono ampiamente usati in agricoltura e per le coltivazioni su larga scala. Non è difficile capire il perché di quest’ampia diffusione: i teli per serre in plastica sono leggeri, removibili, facilmente trasportabili, intercambiali e soprattutto economici. I teli rappresentano la parte più importante delle serre, perché devono garantire quell’equilibrio termico che consente la maturazione anticipata delle piante. Per evitare di creare nella serra un eccessivo accumulo di calore o fenomeni di condensa, vanno scelti dei teli con precise caratteristiche che scopriremo nei prossimi paragrafi.
teliserre1

Telo di ricambio in PVC trasparente per serra orto a tunnel 647/14 VerdeLook

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,61€


Caratteristiche

teliserre2 I teli per serre sono principalmente in plastica. Possono essere anche in vetro, come già detto al precedente paragrafo, ma questi vengono comunemente definiti “vetrate” o coperture, per cui i teli per serre coincidono più esattamente con i materiali plastici e avvolgibili. I teli per serre in plastica sono realizzati con polimeri flessibili, resistenti e con una precisa durata. I materiali più usati sono il polietilene, il pvc e l’etil vinile acetato. Il polietilene o PE è il materiale più usato. E’ anche il più economico e viene commercializzato in rotoli da diciotto metri. Il polietilene garantisce una buona resistenza alla trazione meccanica e un’ottima trasparenza. Si presta bene per la creazione di serre a tunnel ed è facile da installare e da rimuovere. Questo materiale presenta però alcuni svantaggi, primo fra tutti la scarsa resistenza ai raggi ultravioletti, alla luce e all’ossigeno. A causa dei suddetti fattori ambientali, il telo in polietilene tende a perdere flessibilità e a ossidarsi diventando sempre più sottile e poco resistente. Il pvc, detto anche cloruro di polivinile, è un polimero stabilizzato con aggiunta di particolari additivi che lo rendono più resistente del polietilene. Di contro, però, questo materiale accumula troppo calore creando un maggiore “effetto serra” che rischia di danneggiare le piante se non si predispongono adeguati sistemi di ventilazione. Il pvc tende anche a deformarsi con l’azione della pioggia, del vento e della neve, richiedendo maggiori sistemi di fissaggio e trazione in orizzontale ( per evitare rotture o la formazione di borse). L’etil vinile acetato è un polimero a metà strada tra il polietilene e il pvc. In genere, i migliori teli per serre si costruiscono usando strati sovrapposti di etil vinile acetato e di polietilene. Questi teli garantiscono una maggiore resistenza rispetto ai precedenti e un miglior equilibrio termico.

    Telo di ricambio in PVC trasparente per serra 4 ripiani 647/2 VerdeLook

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 13€


    Tipologie

    Oltre ai precedenti materiali, esistono anche altre tipologie di teli per serre. Tra i più diffusi ricordiamo i teli termici, i teli speciali colorati, i doppi teli e i teli plastici. I teli termici sono realizzati con polietilene a bassa densità. Questo materiale garantisce un buon equilibrio termico, ma non la trasparenza necessaria per visualizzare le piante all’interno. Il problema viene superato aggiungendo al materiale plastico degli additivi che ne aumentano la trasparenza. I teli speciali colorati si usano per favorire la maturazione anticipata di frutti fuori stagione. Si tratta di teli con elevato effetto serra e assorbimento di calore, per questo adatti allo sviluppo di frutti tipicamente estivi. I teli speciali colorati sono però difficilmente reperibili sul mercato. I doppi teli sono composti da strati di polietilene, pvc ed etil vinile acetato che impediscono la perdita di calore ed evitano la formazione della condensa. Questi teli sono poco trasparenti e per questo se ne sconsiglia l’utilizzo. I teli plastici vengono usati per le serre senza sostegni. Si tratta di coperture permeabili all’acqua e all’aria, ma resistenti alle trazioni meccaniche, ai raggi solari e alle basse temperature. I teli plastici, inoltre, non si ossidano e non imputridiscono. La loro resistenza dipende dai materiali con cui sono fatti: un misto di poliestere e polietilene.


    teli per serre: Dove comprare e cosa scegliere

    I teli per serre si possono comprare nei centri brico e nei negozi di articoli per l’agricoltura e il giardinaggio. Chi volesse dei teli in vetro può acquistare la serra completa in kit, mentre chi volesse creare una comoda e pratica serra in plastica può scegliere tra le tipologie di teli che abbiamo elencato ai paragrafi precedenti. Una piccola serra da orto può essere costruita anche con teli in polietilene trattato per resistere ai raggi uv. Questo materiale, abbastanza economico, si usa per ricoprire delle serre a tunnel. Il tunnel si crea con archetti, fili di ferro zincato, picchetti di ancoraggio, fermagli e telo. Il telo serve proprio a ricoprire il tunnel costruito fissando al terreno gli archetti collegati l’uno all’altro con fili di ferro zincato e bloccati al suolo con i picchetti di ancoraggio. Il telo si stende lungo il tunnel bloccandolo con i fermagli. L’aerazione della serra a tunnel e l’accesso vengono favoriti dalla sistemazione dei picchetti a una certa distanza l’uno dall’altro. In questo modo, si potrà sollevare il telo da un lato per accedere alla serra e per far entrare l’aria.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO