Pensilina policarbonato

Pensilina policarbonato

Le pensiline sono degli elementi d’arredo che contribuiscono a ombreggiare e a proteggere porte e infissi esterni. Per la loro struttura, le pensiline vengono anche chiamate “ tettoie”. In realtà si tratta di tettoie “mignon”, per via delle dimensioni appena sufficienti a superare la larghezza di un infisso. Le pensiline sono ampiamente diffuse nell’arredo urbano, commerciale e nell’edilizia privata. Molte pensiline si vedono anche nelle stazioni ferroviarie, all’esterno dei negozi e degli edifici privati. Queste strutture sono diffuse anche nel giardinaggio. Compaiono, infatti, all’esterno di villette con giardino. Le tipologie più diffuse nell’edilizia pubblica e privata sono le pensiline in policarbonato. Nei prossimi paragrafi scopriremo meglio le caratteristiche di queste strutture.
pensilinapolicarbonato2

TecTake Pensilina Tettoia in policarbonato per porta o finestra per esterno 200x100cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,99€


Caratteristiche

pensilinapolicarbonato1-1La pensilina in policarbonato è costituita da telaio e bulloni in acciaio e da una lastra in policarbonato. Quest’ultimo è un materiale moderno e innovativo, perché possiede tutti vantaggi del vetro senza gli svantaggi di quest’ultimo. Il policarbonato, infatti,è infrangibile e garantisce il passaggio della luce senza creare un surriscaldamento e un effetto serra. In tal senso, il materiale garantisce un buon effetto ombreggiante. Il policarbonato della pensilina può essere compatto, alveolare o trasparente. Il primo è un materiale più pesante e trasparente, quasi simile al vetro, il secondo è più leggero, mentre il terzo è composto da lastre completamente trasparenti. La pensilina più usata e diffusa è quella in policarbonato alveolare, materiale piuttosto versatile, leggero e adatto a ottenere diverse colorazioni. Le più comuni pensiline in policarbonato alveolare vengono infatti realizzate nei colori trasparente, opaco e fumè. La scelta dei colori dipende sempre dai propri gusti personali o da particolari esigenze di arredo esterno. Il policarbonato compatto trova impiego nei locali pubblici, come pub e discoteche, dove per esigenze di sicurezza si ha bisogno di pareti trasparenti come il vetro, ma infrangibili come la plastica.

    PENSILINA TETTOIA POLICARBONATO COPERTURA TRASPARENTE MODULABILE DA ESTERNO PORTA FINESTRA 100x60cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,9€
    (Risparmi 35€)


    Vantaggi

    La pensilina in policarbonato presenta tutti i vantaggi di questo materiale. E’ infatti resistente agli agenti esterni, agli urti, è infrangibile, si può modellare anche a freddo, resiste al fuoco. Alcuni vantaggi sono comuni alle diverse tipologie di policarbonato, altre invece riguardano solo alcuni tipi di materiale. La resistenza al fuoco, ad esempio, è maggiore nel policarbonato compatto. Il policarbonato alveolare è invece leggero, con una migliore resa estetica. La pensilina in policarbonato alveolare consente inoltre il passaggio della luce, mantenendo l’ambiente caldo in inverno e freddo in estate. Questa capacità di filtrazione luminosa del policarbonato alveolare non ne compromette la luminosità. La pensilina in policarbonato alveolare è particolarmente adatta per coprire gli spazi e gli infissi esterni di case con giardino. La tettoia, infatti, oltre a proteggere dagli accumuli di acqua e umidità, garantisce un ottimo ombreggiamento estivo e un altrettanto ottimo isolamento termico, sia in estate che in inverno.


    Modelli

    Il policarbonato può essere applicato su pensiline con telaio in ferro zincato, in acciaio e in ferro battuto. La forma di queste pensiline varia in base all’edificio su sui saranno collocate. In genere si tratta di modelli larghi un metro e mezzo e profondi un metro. La lastra della copertura è incurvata ad arco per consentire un migliore deflusso dell’acqua piovana. Per zone ed edifici più ampi si possono usare le pensiline modulari in policarbonato. Si tratta di tettoie con telai in acciaio da fissare l’uno di seguito all’altro. La resa estetica queste strutture è gradevole e adatta a qualsiasi tipo di stile e ambiente. Negli ambienti pubblici, industriali e commerciali, le pensiline modulari in policarbonato sono estremamente semplici e lineari, perchè fungono solo da tettoia coprente e non da elemento di arredo o decoro esterno. Nelle villette private o in quelle che ospitano studi medici, si possono invece trovare pensiline dal design più complesso e raffinato.


    Manutenzione

    Trovandosi all’esterno, la pensilina in policarbonato tende a sporcarsi. Le strutture piccole si possono pulire con spugna ( o panno) e sapone neutro. Quelle più grandi si puliscono invece con idropulitori automatici e a vapore. Il telaio in acciaio si può pulire sempre con panno e spugna inumiditi con acqua, ma senza sapone, per evitare che si formino gli aloni. La leggerezza e la resistenza del policarbonato rende la pensilina estremamente semplice da gestire e pulire. Prima della pulizia, la lastra in policarbonato della pensilina si può anche svitare. I modelli di ultima generazione vengono infatti prodotti in kit facilmente montabili e smontabili con il fai da te.


    Costi

    I costi della pensilina in policarbonato variano in base alla grandezza della struttura, alla forma, ai modelli e alla tipologia di lastra usata. Le più economiche sono le pensiline in policarbonato alveolare, il cui costo di mercato è compreso tra i 35 e i 200 euro. I modelli più economici sono quelli con dimensioni più piccole, tipo 60 x 100. Il costo sale anche in base al colore. Le pensiline opache e fumè costano di più di quelle trasparenti. La differenza di prezzo, per modelli della stessa dimensione, si aggira tra i dieci e i quindici euro.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO